Archivia Marzo 2015

Attività nell’emergenza maltempo

Il Gruppo Comunale Sansepolcro Altotevere è intervenuto fin dalle prime ore di giovedì 5 marzo per l’emergenza legata all’eccezionale evento meteorologico che ha interessato Sansepolcro.
E’ stato attivato il Centro Operativo Comunale presso l’apposita area situata presso il Foro Boario, dove è stato subito allestito il centro operativo di comando con tanto di sala radio e segreteria regionale per la gestione del volontariato in emergenza.
Visti gli innumerevoli danni provocati dal maltempo si è resa necessaria anche l’attivazione delle altre associazioni di protezione civile aderenti alla Consulta Provinciale, che sono confluite al COC di Sansepolcro e sotto il coordinamento del Comune e del Gruppo Comunale hanno svolto varie attività.
Il centro operativo ha gestito le segnalazioni pervenute al Comune ed ha organizzato gli interventi delle squadre. Tali interventi hanno riguardato la messa in sicurezza di tetti ed alberi, ripristino viabilità,  recupero e trasporto materiali.

L’attività di emergenza, non ancora conclusa, ha impegnato 61 volontari, che con 16 automezzi (tra autocarri, fuoristrada, furgoni) ed attrezzature varie hanno effettuato più di 60 interventi in dieci giornate. Hanno partecipato all’emergenza oltre al Gruppo Comunale di Sansepolcro:
– il Centro Intercomunale della Valtiberina Toscana,
– la Croce Rossa Italiana,
– La Racchetta di Arezzo,
– La Racchetta di Laterina,
– La Racchetta di Ortignano Raggiolo,
– la Misericordia di Arezzo,
– l’Associazione Nazionale Carabinieri di Montevarchi,
– la Pubblica Assistenza Casentino,
– il VAB di Castiglion Fiorentino,
– il VSA di Monte San Savino,
– il Gruppo Comunale di Borgo Pace Federato Centervol.

Sono ancora in corso interventi legati alla pulizia strade e sgombero degli alberi abbattuti in vista delle Fiere di Mezzaquaresima che inizieranno giovedì prossimo. E proprio durante le Fiere il Gruppo Comunale Sansepolcro Altotevere sarà presente per il servizio di vigilanza ed assistenza e con un proprio stand situato a Porta Fiorentina, dove verrà installato oltre al centro operativo mobile anche una tenda pneumatica ed un gazebo con alcune delle attrezzature in dotazione. Saranno visibili anche planimetrie e procedure del piano comunale di protezione civile che verranno illustrati alla popolazione

Maltempo in Toscana

Il maltempo non dà tregua alla Toscana. A causa del forte vento di burrasca che si è abbattuto dalla notte scorsa su tutta la regione, sono stati provocati diversi danni. La situazione più critica nel Pistoiese, ma colpite anche Firenze, Prato e la costa toscana, in particolare la Lucchesia e la Versilia. Decine le chiamate ai vigili del fuoco per alberi caduti e tetti danneggiati. Nel Pistoiese gli uomini della protezione civile, coordinati con i vigili del fuoco, sono in azione per rimuovere alberi caduti e per mettere in sicurezza coperture e tetti danneggiati. A Pistoia stanotte sono state chiuse alcune strade e piazze cittadine a causa della caduta di alberi o per la pericolosità dei cornicioni. Il Comune ha deciso per oggi la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado, con la raccomandazione ai cittadini di non uscire di casa se non strettamente necessario. Chiuse le scuole anche a Prato.

Le raffiche di vento, che spesso hanno superato i 100 chilometri orari, hanno provocato la caduta di molti alberi anche in Versilia. Alcuni di questi si sono abbattuti sull’autostrada A12 Genova-Rosignano. Il tratto tra Versilia e Massa in direzione Genova, secondo quanto comunicato dal Cciss (Centro di coordinamento informazioni sicurezza stradale), è bloccato.

Si registrano difficoltà anche per i treni, in particolare lungo la linea ferroviaria Tirrenica e altre linee minori di Toscana e Liguria. A causa della presenza di detriti sui binari la circolazione dei treni è sospesa tra le stazioni di Viareggio e Massa, sulla linea Pisa-La Spezia, tra Prato e Pistoia, lungo la linea Viareggio-Pistoia-Firenze e tra Decimo Pescaglia e San Pietro, lungo la linea Lucca-Piazza al Serchio. Disagi anche sulla Genova-Ventimiglia, tra Imperia Oneglia e Imperia Porto Maurizio, per la caduta di un albero che ha danneggiato un tratto della linea elettrica di alimentazione dei treni.

Nel corso della notte e della mattinata i vigili del fuoco hanno ricevuto centinaia di richieste d’intervento per lo scoperchiamento di tetti e per la caduta di alberi, di tegole e di insegne pubblicitarie. La sala operativa della direzione regionale, dato l’accumulo delle segnalazioni, ha chiesto che vengano inviate risorse aggiuntive dal Centro operativo nazionale dei vigili del fuoco. Attualmente il numero maggiore di richieste d’intervento in attesa è di 350 e riguarda la provincia di Pistoia. Gli interventi in attesa a Firenze sono 200 e a Prato 50. La provincia che per il momento presenta il numero minore di richieste inevase – solamente dieci – è Siena.